Website Ribbon Diagonal Banner Web Design Webmaster Tool

Tacchini e pellegrini

Quel losco figuro che, in una delle epoche più buie del nostro Bel Paese, ebbe a dichiarare che gli italiani sono un popolo di santi, poeti, navigatori ed altre simili amenità, si dimenticò di citare un'ennesima loro caratteristica non meno distintiva, ovvero che gli italiani sono un popolo d'incorreggibili festaioli!
E' infatti accertato che l'Italia venisse un tempo annoverata tra le nazioni europee a godere del maggior numero di festività nazionali finchè, sul finire degli anni '70, una revisione del calendario fece slittare alcune ricorrenze alla domenica successiva.

Il lodevole intento dei legislatori era quello di renderci più produttivi...ma l'espediente, occorre dirlo, non sortì l'effetto sperato perché lo spirito d'iniziativa, altra ben nota qualità dell'italiano medio, portata in certi casi a tali raffinate interpretazioni da assurgere al ruolo di vera e propria arte (la cosiddetta arte di arrangiarsi) fece in modo di sopperire alle feste perdute con strategici ponti, buttati ora qua ora la, se non addirittura con ricorrenze inventate ex novo o importate da altri paesi...

Così se oggi nessuno si ricorda di festeggiare il 4 Ottobre (S. Francesco Patrono d'Italia) o il 4 Novembre (anniversario della vittoria...l'ultima, tra l'altro, di cui potersi gloriare!) in compenso abbiamo la neonata Festa dei Nonni e l'importata Festa di Halloween...
Direi che ci sono i presupposti, per una sorta di par condicio, per poter sperare in un prossimo futuro anche nella festa degli zii, dei figli, dei cognati, dei cugini, dei nipoti...and so on.

Senza contare le enormi potenzialità che ci offre la recente ondata immigratoria: chissà quante e quali ricorrenze si sono portati appresso cinesi, marocchini, rumeni, senegalesi, ucraini, egiziani: non uno, ma tanti nuovi calendari da rivisitare alla ricerca della festa perduta!

E intanto che aspettiamo che le società di marketing individuino per noi l'evento consumisticamente più gratificante, laviamoci la coscienza con il triplo candeggio e riponiamola nel più recondito cassetto dell'animo, affinchè non salti fuori inaspettatamente a rinfacciarci che, dopo averli debitamente sfruttati, privandoli della loro dignità, a quei poveri disgraziati rubiamo pure le loro tradizioni.

Chissà, magari si tratta di una specie di rivalsa che ci prendiamo, noi italiani, nel vano tentativo di affrancarci dalla sudditanza psicologica nei confronti di popoli che, da sempre, consideriamo più avanti di noi...insomma applichiamo il principio del sii debole con i forti e forte con i deboli!
Inutile che mi dilunghi in proposito...ma sì, è proprio a lei che sto pensando, all'America, la musa ispiratrice dell'evoluzione del costume italiota negli ultimi 60 anni!

L'America così materialmente lontana eppure così idealmente vicina nei nostri pensieri, l'America che ci è arrivata, porgendosi come modello da imitare, negli anni '50 attraverso il cinema e con i primi tubi catodici e che continua ad influenzarci e a condizionarci oggi dagli schermi al plasma e dai monitor LCD.
Eh sì perchè gli italici lidi, così poco ospitali per il forestiero che arrivi via mare (ogni riferimento ai famigerati barconi è puramente intenzionale) si trasformano in accoglienti nidi per l'esotico che arrivi via cavo o via etere, navigando nel mare virtuale di Internet.

Eppure c'è una festa che, sebbene molto radicata nella cultura americana, qui da noi non ha ancora preso piede, nonostante la sua celebrazione a base di tacchino arrosto e parate commemorative in costume da pellegrino l'abbiano ormai resa nota: è il Thanksgiving Day o giorno del ringraziamento, che cade tutti gli anni nel quarto giovedì di Novembre.
Evidentemente, al di là del sottinteso significato religioso (che non ci è mai stato d'ostacolo nell'adottare una nuova festa) è proprio il concetto della riconoscenza in sé che d'istinto non ci solletica!
Peccato, perché, visto che siamo tutti così poco inclini a riconoscere i meriti altrui, non ci sarebbe stata male una ricorrenza ad hoc che ci rammentasse, almeno una volta all'anno, di osservare questa doverosa incombenza!

Ora potreste obiettarmi che l'essere grati d'ufficio non sia il massimo...ma d'altra parte è forse necessario che ci sia una Festa della Mamma per ricordarci di avere una madre da celebrare?!
E allora approfittiamo oggi di questo Thanksgiving Day per farci un esame di coscienza e ringraziare tutti coloro che riteniamo degni di riconoscenza...

Va bene, comincio io, tanto per dare il buon esempio! E dico che sono grata a...

... Chi afferma "io non sono razzista, ho anche amici extracomunitari, ma certo che gli stranieri rubano il lavoro agli italiani"...

...Grazie a chi ti frega il posto nel parcheggio infilandosi contromano mentre stai facendo manovra...

...Grazie a chi si commuove per la sorte dei cani randagi e poi rifiuta asilo ai rifugiati siriani...

...Grazie a chi, al supermercato, prende qualcosa nel reparto surgelati, poi cambia idea e lo abbandona tra i quaderni del reparto cancelleria...

...Grazie a chi dichiara "io non sono omofobo, ho anche amici gay, ma certo che il matrimonio tra omosessuali è contro natura"...

...Grazie a chi riferendosi ad una donna stuprata sentenzia che se l'è andata a cercare...

...Grazie a chi ha votato Trump e ha condannato anche il resto del mondo a subire 4 anni d'intolleranza, di prepotenza e d'istigazione alla violenza...

...Grazie a chi giudica il chador un segno d'ignoranza e di superstizione ma guai a togliere il crocifisso dalle scuole...

...Grazie a chi sproloquia che i campi di sterminio non sono mai esistiti e che li ha inventati la propaganda antifascista...

Grazie gente e scusate se ho dimenticato qualcuno, ma comunque grazie a tutti voi...perché mi fate sentire un persona migliore!


© Rossana Radaelli-24.11.16

Leggi tutto...

La vita è bella...

E' vero, ma bisogna saperla apprezzare. E tu, che da sempre detesti chi, nelle situazioni di difficoltà, ti esorta a considerare il bicchiere mezzo pieno e non mezzo vuoto, non sopporti l'ottimismo idiota di chi è affetto dalla sindrome di Pollyanna e ti spinge a vedere selettivamente solo i lati positivi di un evento, ignorandone gli aspetti negativi e le difficoltà.
I problemi, tu pensi, non spariscono infilando la testa nella sabbia, come gli struzzi, e facendo finta che non esistano, i problemi vanno affrontati, analizzati e risolti...

Ma poi capita che la vita ti metta di fronte a problemi non risolvibili: la morte di una persona cara, la fine di un matrimonio, una malattia...e tutte le tue certezze vengono rimesse in discussione.

Per molti anni sei vissuta nella convinzione di essere favorita da madre natura: a parte le malattie esantematiche dell'infanzia, delle quali non serbi ricordo se non attraverso il resoconto parentale, mai un disturbo, mai un'affezione...nemmeno una banale influenza!
E sì che non ti sarebbe dispiaciuto ogni tanto -solo ogni tanto, certo!- prenderti una vacanza extra, dalla scuola prima e dal lavoro poi, con la scusa di un qualche malanno!

Una salute di ferro...Una roccia insomma!
Non te l'aspettavi di poterti ammalare...eppure è successo.

Non ti aspettavi di dover affrontare sintomi debilitanti, esami clinici gravosi, il ricovero ospedaliero: erano cose che toccavano sempre agli altri...invece è toccato anche a te.

Prima è arrivata la preoccupazione di non capire cosa ti stesse capitando, poi la scoperta di un morbo così poco cumune che non l'avevi mai sentito nominare e infine la consapevolezza che non ne morirai ma nemmeno ne potrai guarire.

Sai che non sarai più quella di prima, sai che per continuare a svolgere le normali mansioni quotidiane avrai bisogno di più tempo, sai che dovrai dipendere dall'assunzione costante di determinati farmaci e dovrai abituarti a quella nuova immagine del tuo volto enfiato che ti rimanda lo specchio ogni mattina..

E la tua vita è cambiata.

In peggio?
Perchè tutte quelle piccole cose della tua giornata che davi per scontate non lo sono più...

O in meglio?
Perchè minuzie insignificanti e prima trascurate diventano all'improvviso importanti...

Quanto più risulta difficile mantenere le vecchie abitudini, quelle che una volta ti sembravano persino noiose, e tanto più acquistano valore e maggiormente apprezzi i rari momenti in cui riesci ancora a praticarle.

Così, anche se detesti l'ottimismo idiota di Pollyanna, bevi dal bicchiere mezzo pieno che ti sei trovata davanti.

Perchè la vita è bella, nonostante tutto.



© Rossana Radaelli-02.11.16

Leggi tutto...

Sottocosto?!

Non sono portata per le lingue ed ammetto di avere anche scarsa attitudine alla comprensione dei dialetti regionali, con l'unica eccezione di quelli strettamente locali, appresi in famiglia per infantile assorbimento fonetico più che per esercizio, visto che in casa vigeva la regola, non scritta ma non per questo meno ferrea, che gli adulti potessero parlare fra loro in dialetto ma che si esprimessero rigorosamente in italiano rivolgendosi ai bambini...

Ciò nonostante...o forse proprio per questo (si sa che basta imporre una regola ad un bambino per fargli venire la voglia d'infrangerla) il milanese l'ho imparato lo stesso, anche se lo uso raramente, e di solito solo quando qualche evento imprevisto mi fa perdere le staffe e mi vengono meno i freni inibitori impostimi dalla buona educazione...
Perchè, non sembra anche a voi, che imprecare in italiano sia meno efficace, dal punto di vista strettamente emotivo, che tirar fuori qualche bell'insulto in dialetto? :-)

Occorre ammettere però che non tutti i dialetti sono egualmente incisivi da questo punto di vista. Così, nonostante la mia scarsa predisposizione a tradurre i linguaggi altrui, mi è tuttavia ben chiaro il significato di una celebre battuta di Antonio De Curtis, in arte Totò, che si rivolgeva all'interlocutore di turno dicendogli Cca nisciuno è fesso!!
La versione in milanese potrebbe essere Chi sem minga bamba, ve! ma non mi suona altrettanto colorita, così che, ogniqualvolta mi sento presa in giro, è la battuta di Totò che mi si affaccia in primis alla mente (e con ciò faccio pure sfoggio del latino, tiè!)

Di pensare Cca nisciuno è fesso!! mi capita anche quando m'imbatto nei volantini pubblicitari di certi supermercati, dallo stile di marketing piuttosto aggressivo, che promettono articoli superscontati se non addirittura sottocosto: ma come può supporre, mi chiedo, l'ideatore della campagna promozionale, che l'utente medio sia così imbecille da bersi la balla che un'azienda concepita a scopo di lucro possa privilegiare il suo interesse a scapito del proprio?! 0_0

Eppure questo tipo di propaganda pare che funzioni: la stessa gomma per cancellare (stessa marca, stesso tipo, stesso formato) che durante tutto l'anno posso acquistare nella cartoleria sottocasa a 60 centesimi, l'ho vista in vendita all'Esselunga, nel periodo del back to school, in confezione da 4 pezzi al prezzo "sottocosto" di 2 Euro e 49 centesimi (se la matematica non è un'opinione sono oltre 62 centesimi al pezzo...e con l'obbligo di acquistarne 4 pezzi per volta!).
Lo stesso dicasi per i quaderni: 90 centesimi in cartoleria (stessa marca, stessa copertina, stessa grammatura, stessa rigatura) e 1 Euro e 19 centesimi "sottocosto" al supermercato....
Eppure, ci credereste?! Ho constatato con i miei occhi che la gente acquistava!
Magari persino convinta di fare un buon affare, e riempiva il carrello di quaderni come se non ci fosse più un domani per le cartiere italiane!

Ehi, dico, gente...sveglia! La grande distribuzione non è un ente benefico!

L'ultranovantenne Sig. Caprotti, il padre-padrone di Esselunga, deceduto proprio in questi giorni, invece di starsene in panciolle godendosi la (sicuramente milionaria) pensione, ha cercato fino all'ultimo compratori per la sua azienda perchè non la voleva lasciare ai figli, con i quali aveva litigato da tempo...
E allora, non vi viene da pensare che, se un individuo è così attaccato ai soldi da voler fregare persino i propri figli, tutto ha in mente fuorchè di far risparmiare voi, perfetti sconosciuti?!

Se mi dite che, pur consapevoli del prezzo bidone, decidete di acquistare i quaderni al supermercato invece che nella cartoleria sottocasa perchè è più comodo, perchè siete già lì per fare il resto della spesa, perchè il tempo è sempre poco e così soddisfate più esigenze in un colpo solo...beh, vi posso anche capire: non crediate che per me i minuti siano meno preziosi e non abbia la necessità di farmeli bastare...

Però non ditemi che lo fate perchè il prezzo è più conveniente, perchè si risparmia, perchè al supermercato si trovano gli articoli "sottocosto"...
Raccontatela a voi stessi questa fola, se vi fa stare meglio, ma non a me!

Non a me, che sono maggiorenne (da tempo!) e vaccinata e che ho scelto di non farmi più fregare!



© Rossana Radaelli-05.10.16

Leggi tutto...

E' finita la pacchia!

Siete di quelli che tornano dalle vacanze rinvigoriti e pieni d'energia, con tanta voglia di rimettersi al lavoro? Vi odio!
Siete i tipi che rientrano in ufficio dichiarando che è bello riadagiarsi nella routine e che le ferie sono solo uno stress? Vi detesto!
Siete gli sfrontati che, dopo aver gozzovigliato per tre settimane, hanno l'impudenza d'incolpare il dolce far niente dei chili in più e di affermare che, per fortuna, adesso ci si potrà rimettere a dieta? Odio e detesto pure voi!

E' vero, è assodato che le vacanze possono ritemprare il corpo e la mente...proprio per questo si vorrebbe che non finissero mai! E sicuramente non fanno venire la voglia di tornare al lavoro!

Se invece le ferie risultano stressanti, significa che si sono dovute fare troppe cose in troppo poco tempo, quindi sarebbe stato necessario prendersi più giorni...
E poi, se la routine è davvero così allettante, com'è che tutti smaniano di svagarsi facendo qualcosa di diverso?!

Per non parlare dell'assurdità del mettersi a dieta finite le ferie: la dieta è un sacrificio, una limitazione alla libera espressione della golosità...e non dobbiamo già subire fin troppi sacrifici e limitazioni quando siamo costretti a lavorare?!
Se proprio siamo convinti di aver bisogno di una dieta, iniziamola in vacanza, quando siamo sereni e abbiamo tanti altri interessi che ci possono distrarre dal cibo!

Quindi, se siete davvero sinceri e convinti di ciò che dite, vi odio e vi detesto ancora di più!

Se invece sono tutti atteggiamenti artificiosamente eretti a scopo difensivo -barra- consolatorio, allora avete la mia comprensione...e anche la mia invidia, perchè significa che siete già arrivati alla fase dell'accettazione....

Come, come? Non lo sapevate che per elaborare la fine delle ferie si passa attraverso cinque fasi?

La prima fase è quella della negazione, quando si rifiuta la realtà dei fatti e ci si dice è impossibile, non può essere già l'ultimo giorno di ferie!

Poi si passa alla fase della rabbia, quella del non è giusto, del perchè proprio a me, perchè con tanti nullafacenti-che-vivono-di-rendita proprio a me è toccato di dover lavorare?!

La terza fase è quella della contrattazione (ma non tutti ci passano, solo i più razionali) ed è il momento in cui si cerca di trovare dei compromessi per alleviare il disagio, del tipo e se mi mettessi in malattia?

Inevitabile per tutti è invece la fase della depressione, la più problematica da gestire perchè accompagnata da profonda angoscia e dalla frustrante consapevolezza della propria impotenza, quando ci si domanda come potrò tirare avanti nei prossimi undici mesi?!

Alla fine, ma solo alla fine, subentra la fase di accettazione, quella in cui ci si rassegna all'evidenza, si ripongono valigie e borse termiche e si riesce finalmente a far passare le fotografie delle vacanze senza indulgere al pianto ma imponendosi propositi costruttivi, del tipo e se ci facessi un travel journal?...


© Rossana Radaelli-27.08.16

Leggi tutto...

La casalinga impenitente

Dopo la pubblicazione dell'ultimo -solo in ordine di tempo!- articolo di questa guida, una brava persona, che non ha colto l'essenza dello stesso (forse sono io che non mi so spiegare?!) mossa a pietà dalla mia confessata relazione di odio-a..ncora odio con le pulizie di casa, ha pensato bene d'inviarmi i links ad alcuni siti che trattano dell'organizzazione domestica, come una sottocategoria del più vasto contesto della vita casalinga.

Non starò a riportarvi gli indirizzi Web (anche una pellaccia mio paro teme le rappresaglie!) ma non faticherete, se l'argomento v'interessa (?!!!) a ritrovarne le tracce: basterà che usiate come chiave di ricerca la parola casalinga, accompagnandola di volta in volta ad un aggettivo appropriato...Qualche suggerimento:
La casalinga ordinata
La perfetta casalinga
La casalinga organizzata
La stupenda casalinga
La casalinga ideale
La casalinga soddisfatta
L'eccellente casalinga
La casalinga fantastica
La migliore casalinga
La casalinga straordinaria
La casalinga sopraffina
La splendida casalinga
La favolosa casalinga
La casalinga............

Ci sono buone probabilità di trovare un sito Internet per ognuna di queste denominazioni!

E devo dire che non me l'aspettavo: io che mi limito a stilare la lista della spesa settimanalmente o, in via eccezionale e solo se è la stagione giusta, la lista degli accessori creativi da portare in vacanza non mi aspettavo che qualcuno potesse prendersi la briga di stilare quotidianamente la lista delle pulizie domestiche in ordine d'importanza e/o di orario e addirittura programmate stanza per stanza...

Che poi, lo ammetto, la mia lista della spesa in fondo prende forma da sola perchè, man mano che di un prodotto/alimento apro l'ultima confezione, me lo segno in lista...
E pensavo pure di essere organizzata e previdente!
Il massimo dello sforzo lo esercito poco prima di praticare l'approvvigionamento, quando cerco di riordinare la lista in funzione delle corsie del supermercato abituale (per quel che può valere, visto che i supermercati spesso cambiano di posto alla merce!)

Invece ci sono persone (ci devono essere, altrimenti non si spiegherebbe l'esistenza di tutti quei siti!) alle quali la mia lista della spesa probabilmente appare come apparirebbe al Caravaggio una pittura rupestre: rozza, primitiva, inadeguata.

Sono persone che da questi siti Web si fanno il download di tabelle di pianificazione, grafici di andamento e maschere di calcolo con la stessa facilità -presumo- e la stessa frequenza con cui io mi scarico le gif animate dei gatti.
E non si limitano a salvarle sul computer: dopo averle stampate in formato A4, le rilegano in quadernoni ad anelli, pronti per essere sfogliati, consultati, spuntati, maneggiati...coccolati (cosa che in effetti con le gif miciose non si può fare).

Però mi sorge spontanea la domanda: è nato prima l'uovo o la gallina? E' l'effetto benefico della riorganizzazione che permette di dedicarsi con maggior serenità ad uno sgradito compito, o è una sorta di feticismo della pianificazione che rende ben accetto qualsivoglia impegno, facendo passare in non cale la sua reale natura?

Personalmente opto per la seconda possibilità...

Quindi, cara utente che mi hai segnalato questi siti, ti ringrazio per aver pensato di potermi aiutare, il problema è che potrei organizzare nei minimi dettagli le faccende di casa, prevedere il giorno e l'ora per fare questo o quello ma ciò non m'impedirebbe di odiare comunque la mansione in sè, tutt'altro, la troverei doppiamente indigesta: una volta al momento di programmmarla e una volta al momento di svolgerla...anzi, mi correggo: triplamente indigesta...per il fatto di aver perso del tempo in più per fare il programma!

Insomma, amica mia, ti devi rassegnare: a certe idiosincrasie non v'è rimedio, inutile provarci, sarebbe come illudersi che grazie ad una meticolosa pianificazione della contabilità domestica, uno shopaholic potrebbe rinunciare alle sue pazze spese!
Infatti, benchè esistano agende per la casa e persino software per la registrazione del bilancio famigliare, nessuno si azzarderebbe a ipotizzare che servano per imparare a risparmiare....o no?!


© Rossana Radaelli-07.07.16

Leggi tutto...

Santa Rossana in Rete
Patrona degli shop-alcoolic (con contorno di patatine)

Tra me e le faccende domestiche c'è una viscerale antipatia consolidata da anni di reciproca inadempienza: come io dedico a loro poco tempo, il minimo indispensabile per portarle a termine in qualche modo, così loro mi ripagano con altrettanto tempo minimo di durata: finisco di sbrigarle e già mi accorgo che le malefiche si ripresentano all'attacco! Grrrr!

Ma tra tutte le incombenze casalinghe ce n'è una in particolare che trovo oltremodo stressante...no, non è lo stirare (per quanto insieme allo spolvero occupi una buona posizione nella mia lista nera) ma il dover provvedere all'approvigionamento della dispensa...in poche parole: odio dover fare la spesa!



Ricordo che quando ero bambina questa mansione era affidata alla nonna, che viveva con noi e si faceva carico delle questioni domestiche perchè i miei genitori lavoravano entrambi.
Se non era periodo di scuola, mi portava con sè per negozi: ortolano, lattaio, salumiere, prestinaio, droghiere, macellaio...si passava dall'uno all'altro quasi tutti i giorni, perchè le cibarie dovevano essere sempre fresche, si scambiava qualche parola con i bottegai e con le altre massaie che, a forza di vedersi quotidianamente, erano diventate conoscenti abituali, quasi amiche...

A volte per fare la spesa ci voleva tutta la mattina! Ma si tornava a casa con una sporta di provviste genuine e una scorta di chiacchiere e piccoli pettegolezzi da sciorinare a tavola quando la famiglia si riuniva per il desco e non si usava ancora demandare alla televisione il compito di riempire i silenzi....



Oggi invece fare la spesa è diventato, non credo solo per me, un tour de force, un po' perchè chi può più permettersi di dedicare all'incombenza un'intera mattina?! Ma anche perchè i negozietti sotto casa sono spariti tutti, annientati dalla spietata concorrenza della grande distribuzione, favorita dalle leggi ad hoc di politicanti più dediti alla cura dei propri interessi che di quelli dell'elettorato.



E così siamo costretti a procacciarci i mezzi di sostentamento all'interno di supermercati sempre più dispersivi, spingendo con una mano carrelli sempre più spaziosi e tenendo in equilibrio sull'altra il cellulare con la lista della spesa da spuntare, dove i prodotti sono messi in ordine d'apparizione nelle corsie...Una lista che diventa quasi inutile quando, in occasione delle "offerte", ci spostano la roba e non la troviamo più dov'era prima...



Pare che questa sia una precisa strategia di mercato con lo scopo d'indurre il consumatore a comperare di più, mettendogli sotto il naso articoli di cui non ha assolutamente bisogno ad un prezzo apparentemente allettante...



Beh, furbacchioni del marketing, sappiate che con me non funziona: non ho abbastanza tempo per attardarmi ad esaminare le vostre offerte e se avete cambiato posto ad un prodotto che ho in lista, non ho tempo di mettermi a cercarlo e lo lascio perdere...così alla fine compro di meno e non di più...tiè!

Ma è una vittoria di Pirro, una soddisfazione di breve durata: mangiare bisogna mangiare, e il prodotto a cui ho rinunciato oggi resta in lista per la prossima puntata e quella che ci rimette sono solo io, perchè mi tocca pensare alternative al menù già programmato e la prossima settimana avrò più roba da portare....

Se però con i supermercati è battaglia persa, mi prendo la rivincita con i centri commerciali: detesto fare acquisti in quegli spazi estremamente dispersivi, eccessivamente confusionari, patologicamente snervanti...e quindi li evito come la peste!



Sì lo so, non siamo in molti a pensarla così, perlomeno a giudicare dalla frequenza con cui se ne inaugurano di nuovi, sempre più mega, ogni volta pubblicizzati come il più grande centro commerciale di...e segue il nome di una regione, di una nazione o addirittura di un continente.



Qualche mese fa, con un certo ritardo sulla tabella di marcia a causa dell'Expo che, con la sua fame di parcheggi, aveva fermato l'edificazione in buona parte delle aree libere intorno a Milano, è stato inaugurato il più grande centro commerciale d'Europa (così dicono) con centinaia di negozi, decine di locali di ristoro, un centro diagnostico, un polo sportivo, diverse aree gioco...e chi più ne ha più ne metta!



Il sabato successivo all'inaugurazione (avvenuta in settimana, causando il blocco del traffico pendolare per qualche ora!) la coda di auto per l'ingresso ai parcheggi era lunga oltre 10 km. e si è reso necessario chiudere il vicino svincolo autostradale, deviando il passaggio dei veicoli oltre la zona interessata, per permettere la ripresa della viabilità....

Allucinante!

I giornali hanno in seguito riportato immagini di cordoni umani, in fila persino per accedere a questo o quel negozio...sembravano fotografie di un formicaio dove si fosse riusciti a transennare il passaggio delle formiche!



Ma chi ve lo fa fare, gente?!
Scommetto che qualcuno di voi è pure tornato a casa con le vesciche ai piedi per la forzata postura, lividi sulla pancia o sulla schiena (a seconda che lo spinta-dipendente vi si trovasse davanti o dietro nella fila) e magari quell'oggetto che desideravate tanto, quell'accessorio per il quale avreste dato...avete dato due preziosissime ore del vostro tempo, ve l'ha soffiato sotto il naso, proprio l'ultimo pezzo, l'immancabile furbo che non rispetta le precedenze e si è accaparrato l'attenzione della commessa prima di voi!



E allora posso darvi un consiglio?
Seguite il mio esempio e mi ringrazierete (Rossana santa subito!): ogni volta che ho voglia di fare acquisti, mi metto comoda, mi verso un drink, apro un sacchetto di patatine e accendo il computer: su Internet ci sono centinaia...migliaia...decine di migliaia di negozi, molti più di quelli disponibili in qualsiasi centro commerciale, tutti a portata di clic, aperti 24 ore al giorno, dove poter scegliere con calma e comodità tutto ciò che si desidera...

Io ci ho guadagnato in salute...e sì, forse anche in peso, per via di alcool e patatine...ma tanto quel chiletto in più lo brucerò sicuramente nella prossima spossante occasione in cui andrò fare la spesa! ;-)



© Rossana Radaelli-23.06.16 - Fonte immagini: Google

Leggi tutto...

Più unico che raro

Una delle primissime esperienze lavorative intraprese fuori casa (fino ad allora mi ero limitata alle ripetizioni di matematica a ragazzi poco più giovani di me!) fu quello in una piccola ditta specializzata nel confezionamento conto terzi.
Eravamo sul finire degli anni '70, l'aria era ancora satura dei fumi residui del boom economico, le grandi fabbriche lavoravano a pieno ritmo e su più turni, ma anche le aziende minori, a conduzione familiare, potevano trovarsi occasionalmente a corto di personale per aumentate richieste di produzione.

Non era difficile quindi, per giovani studentesse squattrinate par mio, trovare occupazioni temporanee, poco remunerate ma con orario limitato, in modo da guadagnare qualcosa senza trascurare gli studi...

Sì, lo so, anche oggi non mancano le occupazioni temporanee, poco remunerate e con orario limitato ma, mentre allora erano un'eccezione alla regola generale dell'impiego fisso, oggi sono diventate la norma e a contendersi i pochi posti a disposizione non sono studentesse adolescenti ma adulti laureati e masterizzati (grazie al sostegno economico di mamma e papà) che hanno titoli di studio formati da molte più parole di quanti siano gli anni impiegati a conseguirli! :-)

I tempi sono cambiati e forse certi tipi di lavoro non ci sono più...

In quella ditta d'imballaggio noi ragazze avevamo il compito di prendere da un cesto, ad uno ad uno, degli oggetti (nella fattispecie si trattava di sorpresine per le uova di Pasqua) e di farli cadere negli spazi sagomati di un nastro trasportatore che li spingeva nel cuore della macchina, dove venivano avvolti in bustine trasparenti separate poi le une dalle altre da una trancia a sigillatura termica:



La mansione era elementare, tuttavia occorreva prestare attenzione affinchè l'oggetto si collocasse perfettamente nell'alloggiamento previsto sul nastro trasportatore perchè, in caso contrario, arrivava sfasato sotto la trancia che gli si chiudeva contro danneggiandolo, bloccandosi...e interrompendo la produzione.

Probabilmente oggi questo lavoro è completamente automatizzato o forse si è spostato in altre aree geografiche, demandato a ragazzine dagli occhi a mandorla pagate persino meno di quanto lo eravamo noi....Chissà!

Sera dopo sera, le mani si muovevano in sintonia con lo scorrere del nastro trasportatore, cambiavano di volta in volta gli oggetti da imbustare e di conseguenza la lunghezza dello spazio in cui inserirli ma per il resto il movimento era sempre uguale, costante, monotono...

Quando, in seguito nella vita, mi è capitato di sentir parlare della sindrome della catena di montaggio, una condizione alienante che colpiva gli operai addetti alla produzione in serie, il pensiero è corso a quella mia prima esperienza lavorativa!

Eppure di essa conservo un buon ricordo: gomito a gomito con una simpaticissima ragazza napoletana, piena di verve ed entusiasmo, fonte inesauribile di chiacchere e facezie, le tre ore del turno serale passavano velocemente...anche se poi mi servivano almeno dieci minuti di massaggio palpebrale per riattivare la vista e liberare gli occhi dall'immagine ipnotica della scorrevole linea di caricamento!

Ecco, credo sia nata proprio in quel periodo la mia avversione verso qualsiasi genere di lavoro ripetitivo e routinario!
Per fortuna la sorte mi ha favorito regalandomi un discreto successo (si può dire senza dare l'impressione di tirarsela?) nel settore creativo, un ambito nel quale la clonazione non è ammessa ed il risultato è tanto più apprezzato quanto più è unico ed originale.

Certo, mi è capitato in svariate circostanze che mi si chiedesse di realizzare bomboniere, inviti e partecipazioni, ma sono sempre riuscita a scansare l'impegno...

Beh, non proprio "sempre"...

In effetti ho ceduto in un'occasione, l'unica in verità, quella del mio matrimonio...ma ero giovane, ingenua e tanto innamorata...

D'altra parte ho forse mai sostenuto di essere infallibile?! ;-)



© Rossana Radaelli-09.06.16

Leggi tutto...

Pensieri o post-it?

Vi capita mai di aver intenzione di realizzare un certo progetto ma non sapere da che parte incominciare? Non è che vi manchi l'ispirazione -anzi!- ma le idee vi si affollano in testa e non riuscite ad organizzarle in un disegno ben delineato, così finite col perdere tempo riempiendo il piano di lavoro di abbozzi incompiuti...
Tranquilli: non capita solo a voi, siete...ma sì, siamo ;-) in buona compagnia...ed è per questo motivo che sono nate le inspiration boards!

Parecchi anni fa, quando l'editoria si attuava ancora attraverso la carta stampata, era ben nota l'ansia da pagina bianca che -si diceva- assalisse gli scrittori impantanatisi in qualche punto morto della trama...che poi è più o meno la stessa sensazione che provano da sempre gli studenti messi di fronte al foglio intonso di una verifica a sorpresa. ;-)

Io avevo un mio sistema per superare l'impasse all'inizio di un nuovo libro: riproducevo su un grande pannello di cartoncino bianco la griglia quadrettata rappresentante la struttura delle pagine del volume (un quadretto = una pagina) quella che in gergo si chiamava menabò:

Poi scrivevo le idee, ovvero ciò che avrei voluto inserire in ogni pagina, su post-it colorati che posizionavo all'interno dei riquadri della griglia:

Man mano che aggiungevo le idee, altre me ne venivano in mente e facevo loro posto sulla griglia, spostando all'occorrenza i post-it da un riquadro all'altro...avevo realizzato, senza nemmeno saperlo, la mia prima inspiration board e, ciò che più conta, pian piano l'intero libro prendeva forma da solo!

L'arrivo del nuovo millennio, con l'implementazione di Internet, il successo di YouTube e la comparsa degli e-books, costrinse all'adeguamento l'editoria tradizionale e mandò in pensione la divulgazione creativa per mezzo di libri e riviste.
Non pensavo che avrei mai più avuto la necessità di uno stacca-e-attacca pianificatore, oggi che scrivo solo al computer, che non ragiono in termini di markers ma di links e che uso come promemoria dei files txt sparsi sul desktop...

E invece mi sbagliavo!

Che la si voglia chiamare griglia organizzativa, lavagna programmatica, pannello progettuale, motivation board, mood board o, come fanno oggi i più, inspiration board, si tratta di uno strumento tuttora valido per aiutare, tanto gli hobbisti che i professionisti, a riorganizzare le idee confuse suddividendole in punti di focalizzazione, in modo da dare a ciascuna di esse il giusto rilievo...
Insomma l'inspiration board è il salvagente a cui aggrapparsi quando annaspiamo nel mare della dispersione!

Quindi dimentichiamoci dello smart phone faccio-tutto-io-anche-il-caffè e corriamo in soffitta (o in cantina o nel garage...o dove diavolo teniamo gli accessori domestici dismessi) e rispolveriamo la vecchia bacheca di sughero in puro stile anni '90 (tutti ne abbiamo avuta in casa almeno una!) e facciamole posto accanto al tavolo di lavoro...vedrete che prima o poi ci tornerà utile!

© Rossana Radaelli-27.05.16

Leggi tutto...

Tu vuo' fa' l'americana

Lo sanno tutti che l'America è il paese delle grandi opportunità....soprattutto se hai la pelle chiara, sei di origine anglosassone, hai idee politiche moderate ed abitudini sessuali convenzionali. Se ti manca anche solo una di queste caratteristiche è un po' meno facile farsi strada ma puoi sempre buttarti in un settore dove a tutti, ma proprio a tutti, è concesso di emergere: quello del marketing.

Forse per molti versi gli States non sono un bel paese per vivere (più che altro per sopravvivere!) ma se hai il pallino degli affari è lì che avrai occasione di sfruttarlo al meglio!
Sarà per una burocrazia più snella, sarà per una legislazione più orientata ad agevolare le iniziative commerciali, sarà per una pressione fiscale meno gravosa, sarà per una maggiore disponibilità economica del ceto medio che permette d'indulgere nella soddisfazione dell'ego...fatto sta che è piuttosto comune in America che anche i privati siano titolari di uno o più marchi registrati.

Una qualsiasi casalinga di Upper Sandusky, ridente cittadina nello Stato dell'Ohio, potrebbe ad esempio svegliarsi una mattina animata dal proposito di spolverare accuratamente i mobili del soggiorno....e poi accorgersi -ahimè!- di aver finito i panni catturapolvere e lo spray antistatico.
Doris* (ci sarà pure una casalinga di Upper Sandusky che si chiama Doris!) non ha tempo di uscire ad acquistarli perchè a breve verranno alcune amiche per un drink (in America i drinks si bevono anche alle 9 di mattina) così decide d'improvvisare: strappa la tasca da un vecchio grembiule, la piega in tre, ci spruzza sopra il suo deodorante spray e usa quel nuovo utensile estemporaneo per fare la polvere...

E' un successone!

Infatti non solo ha scoperto che può fare a meno dei panni catturapolvere e dello spray antistatico ma le amiche le hanno pure fatto i complimenti "perchè si sente che questa è la tua casa: profuma di te!"

Orgogliosa della sua scoperta Doris, da brava americana media, non può esimesri dal riflettere su come metterla a frutto commercialmente...
Purtroppo la tasca non l'ha inventata lei ed anche il deodorante è già prodotto idustrialmente su larga scala, quindi è impensabile richiedere un brevetto...mumble, mumble (gli americani quando riflettono borbottando tra sè e sè dicono mumble, mumble) e alla fine il colpo di genio: la chiamerà pocket spray e farà registrare il marchio!

Insegnerà alle amiche questo nuovo metodo di spolvero e fonderà una community dove si potrà divulgare l'iniziativa e scambiarsi consigli su come ottenere il miglior pocket spray ed eventuali sue varianti (dopotutto i grembiuli e i deodoranti non sono tutti uguali!)
Credo che di recente abbia anche organizzato uno swap a tema ...m'informo e vi faccio sapere! ;-)


*Qualsiasi riferimento a Doris Day e alla sua interpretazione di una sana e virtuosa ragazza di Upper Sandusky è puramente casuale! ;-)



© Rossana Radaelli-07.05.16

Leggi tutto...